Cerchi la "migliore" clinica di FIV all'estero?

Analizziamo le vostre esigenze, il tipo di trattamento, le preferenze di destinazione e troviamo le migliori cliniche FIV per voi.

Tell us
what you really want
from your fertility clinic abroad…
Complete a 5-minute, anonymous survey to help others find the right clinic abroad, and we'll donate €1 to a fertility society for each submission.

Percentuali di successo della fecondazione in vitro: miti e cifre rivelati

Understanding IVF Success Rates values

Quali sono i tassi di successo della fecondazione in vitro e come vengono calcolati?

Le percentuali di successo della fecondazione in vitro sono solitamente calcolate come percentuale delle gravidanze cliniche dividendo il numero di risultati favorevoli come il numero di gravidanze cliniche per il numero di procedure eseguite come il numero di trasferimenti di embrioni, secondo la seguente formula:

numero di gravidanze1 or numero di nati vivi2 / numero di trasferimenti di embrioni3

  1. Il numero di gravidanze – il più delle volte una gravidanza clinica in 6-8 settimane di gravidanza poiché è raro che le cliniche presentino dati dalla 12a settimana di gravidanza.
  2. Nascita viva significa portare a termine una gravidanza e far nascere un bambino.
  3. Trasferimento di embrioni significa che è stato trasferito almeno un embrione indipendentemente dalla sua qualità.

In genere, tali statistiche mostrano una percentuale di successo media tra il 30 e il 50%. Nella maggior parte delle cliniche, le statistiche sono presentate per i diversi gruppi di età del paziente, nel qual caso le differenze nei tassi di successo dipendenti dall’età saranno molto grandi. Generalmente, la donna più giovane è, piú la probabilità di successo del trattamento è statisticamente più alta. Se pensi di sottoporti a un programma di donazione di ovociti – Tassi di successo con ovuli di donatrice: leggi questo articolo.

A prima vista, tutto sembra chiaro ma se analizziamo i dati presentati risulterà che le statistiche così presentate non includono i cicli di fecondazione in vitro in cui il trasferimento dell’embrione non è avvenuto per vari motivi. Più avanti, l’articolo discute il numero di cicli possibili.

Altri modi per calcolare i tassi di successo della fecondazione in vitro:

  • gravidanze cliniche/numero di cicli di fecondazione in vitro iniziati
  • nati vivi/numero di cicli di fecondazione in vitro iniziati

Tassi di successo della fecondazione in vitro presentati dalle cliniche

Dal punto di vista del paziente, i tassi di successo della fecondazione in vitro dovrebbero significare la probabilità che il trattamento di fecondazione in vitro abbia successo, ovvero che si concluda con un parto vivo, che è lo scopo del trattamento. La maggior parte delle cliniche in Europa presenta i tassi di successo della fecondazione in vitro come percentuale di pazienti che rimangono incinte. Molto spesso, la probabilità di rimanere incinta viene calcolata in relazione al numero di trasferimenti di embrioni effettuati e non ai cicli di fecondazione in vitro avviati: si tratta dei cosiddetti tassi di gravidanza FIV.

Non tutte le Pazienti che iniziano il ciclo di FIVET avranno a disposizione embrioni, ecco perché le statistiche calcolate sul ciclo di FIVET iniziato (compreso il ciclo in cui non sono stati forniti embrioni) saranno molto inferiori. In media, il 10-35% dei cicli di fecondazione in vitro avviati può terminare prima del trasferimento dell’embrione (fonte: Rapporto CDC 2015).

Inoltre, i dati presentati di solito si concentrano sulle possibilità statistiche di gravidanza e non sulla nascita di un bambino. Questo è un altro elemento che ridurrà significativamente le statistiche – una media del 10% – dopotutto, la gravidanza può finire con un aborto spontaneo. Come puoi vedere, ci sono molti fattori da tenere in considerazione, che possono avere un enorme impatto sui valori presentati.

Dal punto di vista della clinica della fecondazione in vitro, i tassi di successo della fecondazione in vitro significano più spesso che la paziente è rimasta incinta, che è nota come tassi di gravidanza perché questo è l’obiettivo del metodo di fecondazione in vitro. Un tale approccio è etico dal punto di vista del paziente? Questo modo di presentare le statistiche non è destinato a vendere “false speranze” ai pazienti? Cosa significa questo per il Paziente dal punto di vista medico e finanziario?

Tassi di successo della fecondazione in vitro rispetto ai tassi di gravidanza della fecondazione in vitro

Tassi di successo della fecondazione in vitro per trasferimento di embrioni

Il grafico sotto (Grafico 1) rende facile vedere che gli indicatori di performance cambiano significativamente con l’età della donna. Per le donne di età inferiore ai 35 anni, la possibilità di rimanere incinta (conteggiata per trasferimento di embrioni) è di circa il 54%, ma già all’età di 45 anni è solo del 6% circa. Se prendiamo in considerazione le statistiche sui nati vivi, saranno circa il 46% per le età sotto i 35 anni e circa il 2% per le età oltre i 44 anni. Come puoi vedere, le differenze statistiche tra gravidanza e parto possono essere significative. La tabella seguente presenta un confronto dei tassi di successo della fecondazione in vitro calcolati come gravidanze per trasferimento di embrioni e nati vivi.

Tassi di successo della fecondazione in vitro - gravidanze per trasferimento di embrioni vs nati vivi
Grafico 1: Tassi di successo della fecondazione in vitro (gravidanze) per trasferimento di embrioni vs nati vivi

Tassi di successo della fecondazione in vitro per ciclo di fecondazione in vitro iniziato

La situazione è molto diversa se consideriamo i tassi di successo del trattamento per il ciclo iniziato (Grafico 2) e non il trasferimento di embrioni. In questo caso, la probabilità di gravidanza per una donna sotto i 35 anni è di ca. 38% con un tasso di natalità viva del 33% mentre lo stesso per una donna di età superiore ai 44 anni è rispettivamente di circa il 3% e l’1%. È facile notare che questi valori sono molto inferiori ai tassi di successo della fecondazione in vitro calcolati per trasferimento di embrioni. Il grafico seguente presenta un confronto tra i tassi di successo della fecondazione in vitro: la gravidanza per il ciclo di fecondazione in vitro iniziata e la nascita di un bambino.

Tassi di successo della fecondazione in vitro per ciclo di fecondazione in vitro avviato rispetto ai nati vivi
Grafico 2: Tassi di successo della fecondazione in vitro per ciclo di fecondazione in vitro avviato rispetto ai nati vivi

Perché i tassi di successo della fecondazione in vitro per trasferimento di embrioni sono superiori a quelli per ciclo di fecondazione in vitro avviato?

Statisticamente, c’è un gruppo di donne di varie età che non hanno ovociti raccolti in programmi in vitro e un altro gruppo in cui, nonostante la raccolta di ovociti, non avviene il trasferimento di embrioni. Questi gruppi di solito non sono inclusi nelle statistiche presentate dalle cliniche di fertilitá. Di seguito presentiamo un confronto delle percentuali di successo della fecondazione in vitro – gravidanze – (rimanere incinta) per trasferimento di embrioni e per ciclo di fecondazione in vitro iniziato, che illustra esattamente la differenza nella percentuale di successo del trattamento (Grafico 3). Come puoi vedere nel grafico qui sotto, i tassi di successo della fecondazione in vitro calcolati per ciclo di fecondazione in vitro iniziato sono molto inferiori a quelli calcolati per trasferimento di embrioni.

Tassi di successo della fecondazione in vitro - gravidanza per trasferimento di embrioni vs ciclo di fecondazione in vitro avviato
Grafico 3: Tassi di successo della fecondazione in vitro – gravidanze per trasferimento di embrioni vs ciclo di fecondazione in vitro avviato

Tassi di successo della fecondazione in vitro rispetto alla cancellazione del ciclo di fecondazione in vitro

Come puoi vedere, le differenze nei tassi di successo per età di una donna sono enormi. Se osserviamo la cifra calcolata per ciclo di fecondazione in vitro e non per trasferimento (Grafico 3 sopra), le differenze nei tassi di successo della fecondazione in vitro sono davvero elevate. Non è vero che si discostano notevolmente dalle informazioni che si possono trovare sui siti web delle Cliniche?

In media, la percentuale di programmi di fecondazione in vitro in cui non avviene il trasferimento di embrioni per vari motivi si aggira intorno al 10-30% a seconda dell’età della donna. Quando si calcolano i tassi di successo della fecondazione in vitro basati sui trasferimenti di embrioni, i programmi di fecondazione in vitro terminati prima e quindi prima del trasferimento di embrioni, non sono inclusi in queste statistiche. In tal caso, sono altamente sopravvalutati?

Vediamo di quali numeri stiamo parlando a specifici intervalli di età del paziente. Nella tabella seguente, presentiamo quale percentuale di programmi di fecondazione in vitro termina per i seguenti motivi (Grafico 4):

  • per mancanza di embrioni da trasferire (linea arancione) – considerando i seguenti motivi,
    • prima che gli ovociti vengano raccolti (linea blu)
    • dopo la raccolta degli ovociti ma prima del trasferimento dell’embrione (linea rossa)
IVF cycle cancellations before retrieval vs after retrieval
Grafico 4: annullamenti del ciclo di fecondazione in vitro prima del prelievo vs dopo il prelievo vs prima del trasferimento dell’embrione

Naturalmente, queste sono statistiche medie di fecondazione in vitro per tutti i pazienti con varie cause di infertilità diagnosticate. Per i dati di cui sopra, le cause di infertilità sono così suddivise:

  • Fattore tubarico – 13%,
  • Disfunzione ovulatoria – 15%,
  • Riserva ovarica diminuita – 31%,
  • Endometriosi – 8%,
  • Fattore uterino – 6%,
  • Fattore maschile – 33%,
  • Altri fattori – 17%,
  • Fattore sconosciuto -% 13.

L’analisi è stata preparata sulla base dei dati dei CDC (Centers for Disease Control and Prevention) del 2015 e ha coinvolto oltre 90,000 cicli di fecondazione in vitro, suddivisi per età delle donne negli Stati Uniti. Il 69% dei cicli di fecondazione in vitro sono stati eseguiti utilizzando la tecnica ICSI.

Fonte: CDC – 2015 Tecnologia di riproduzione assistita, rapporto sui tassi di successo della clinica per la fertilità

Percentuali di successo della fecondazione in vitro - Realtà vs falsa speranza
Percentuali di successo della fecondazione in vitro – Realtà vs falsa speranza, fecondazione in vitro con ovociti propri, una donna di età compresa tra 35 e 40 anni.

Tassi di successo della fecondazione in vitro: cosa dovresti considerare

In particolare, dovresti sapere come sono state calcolate le statistiche. I tassi di successo della fecondazione in vitro con i tuoi ovociti dovrebbero essere presentati in base all’età della donna. Solitamente, l’età è suddivisa nei seguenti intervalli: <35, 35-37, 38-40, 41-42, 43-44 e oltre 44 anni. Perché è così importante? L’età della donna ha un impatto decisivo sui tassi di successo della fecondazione in vitro. Età e tasso di successo sono diametralmente opposti. L’età di una donna è molto meno importante nel caso di Successo del programma di fecondazione in vitro utilizzando ovuli di donatori. Un altro elemento è la causa dell’infertilità della paziente: a seconda del motivo, la percentuale di successo può cambiare in modo significativo.

Tassi di successo della fecondazione in vitro: la falsa speranza?

La parte più difficile del programma di fecondazione in vitro è il processo di stimolazione e fecondazione degli ovociti e dello sviluppo dell’embrione. Allora perché le cliniche di solito saltano questa parte nelle statistiche del tasso di successo del trattamento? Nel perseguimento di alti valori delle percentuali di successo del trattamento presentate sui siti Web, le cliniche cercano di mostrare i valori più alti possibili. Immagina di avere 3 cliniche e ognuna di esse mostra le statistiche in modo diverso; il paziente di solito sceglie la clinica che mostra il valore più alto del tasso di successo del trattamento, mentre raramente chiede di cosa si tratta realmente.

È possibile stimare i costi del trattamento in base ai tassi di successo della fecondazione in vitro?

È molto difficile, soprattutto se i Pazienti basano i loro calcoli sulle statistiche che le cliniche presentano più spesso, ovvero la gravidanza per trasferimento di embrioni. Sarà un po’ più facile quando basiamo i calcoli sulle statistiche dei nati vivi. Sarà ancora più semplice quando le statistiche saranno calcolate con nati vivi ma tenendo conto dei cicli di fecondazione in vitro avviati per una specifica fascia di età. Tuttavia, la soluzione ideale è calcolare i costi in base al tasso di successo cumulativo del trattamento, quindi la percentuale di pazienti che hanno avuto successo, ad esempio, in 2-3 cicli di fecondazione in vitro consecutivi.

Abbiamo scritto un articolo separato sul tassi di successo cumulativi, che troverai qui. Tuttavia, è molto difficile stimare il costo totale del trattamento. Anche conoscendo il valore cumulativo di successo per i 3 cicli di FIV che è, ad esempio, 82%, dipende troppo dalla situazione individuale del paziente per sviluppare un tale calcolo. Cosa significa in questo caso 82%? Significa che per 100 pazienti, 82 daranno alla luce un bambino vivo. La domanda è se ti ritroverai davvero in questo gruppo.

Sfortunatamente, nessuno oggi conosce la risposta a questa domanda. Non è raro trovare pazienti nelle cliniche che tentano la fecondazione in vitro 5, 6 o anche 8 volte, ma d’altra parte, ci sono molti pazienti che terminano con successo il trattamento al primo tentativo.

Statistiche personalizzate basate su parametri individuali – Calcolatori di Fertilitá

La soluzione migliore sarebbe quella di verificare il tasso di successo del trattamento atteso in modo individuale tenendo conto della tua età, della causa dell’infertilità e di altri parametri importanti. Le cliniche non offrono tali opzioni, ma sono disponibili calcolatori di fecondazione in vitro on-line, che possono tenere conto di tali parametri. Abbiamo verificato come funzionano questi calcolatori e li abbiamo confrontati con l’articolo “Calcolatori FIV: un confronto completo”. Sembrano essere una buona soluzione per le persone che desiderano verificare il tasso di successo previsto del trattamento con una fonte indipendente. L’approccio sembra avere senso perché sono gli unici luoghi che possono tenere conto almeno in parte della tua situazione medica individuale.

Cosa influenza i tassi di successo della fecondazione in vitro utilizzando gli ovociti dei pazienti?

Molti fattori influenzano la percentuale di successo di un programma in vitro che utilizza gli ovociti del paziente. Questi sono, ad esempio, l’età della donna, la situazione medica individuale e la storia del trattamento di fattori genetici e altri. Va ricordato che la qualità degli ovociti diminuisce con l’età della donna: più la paziente è anziana, più scadente è la qualità dei suoi ovociti. Ciò è correlato a molti fattori, ma il più importante sono le cosiddette aneuploidie negli ovociti che possono causare malattie genetiche.

Di seguito troverai i fattori che hanno il maggiore impatto sul tasso di successo della fecondazione in vitro:

  • Cause di infertilità ed età della donna
  • La qualità dello sperma del partner (a meno che lo sperma non provenga da una banca donatrice)
  • Qualità e numero di ovociti
  • Processo di fecondazione e procedure aggiuntive applicate utilizzate in un laboratorio in vitro, ad esempio ICSI, AH (assisted hatching) coltura di blastocisti – sviluppo dell’embrione fino al 5° giorno, PGS
  • Qualità degli embrioni
  • Preparazione del paziente per il trasferimento di embrioni: la finestra giusta per l’impianto

Come si presenta il processo di trattamento della fecondazione in vitro?

Il processo di fecondazione in vitro consiste in diverse fasi, ognuna delle quali è di grande importanza per il successo del programma di trattamento. Le seguenti informazioni si applicano al programma di fecondazione in vitro con gli ovociti del paziente.

  1. Qualificazione, preparazione per il programma di fecondazione in vitro, inizio dell’assunzione di farmaci contraccettivi. Qualifica, test ormonali e genetici, analisi dello sperma del partner. Il paziente deve avere indicazioni per iniziare questo tipo di terapia.
  2. Inizio della stimolazione ormonale. Deduzione del piano di stimolazione per recuperare il numero appropriato di ovociti. Di solito, la stimolazione può durare da 7 a 9 giorni.
  3. Raccolta di ovociti. Molto spesso circa 2-3 giorni dopo la fine del processo di stimolazione. La raccolta viene eseguita in anestesia generale (a meno che il paziente non abbia controindicazioni all’anestesia).
  4. Valutazione della qualità degli ovociti e fecondazione degli ovuli con lo sperma di un partner o donatore. L’uso di procedure che aumentano l’efficacia della terapia in un laboratorio in vitro: ICSI, AH, coltura di blastocisti e altri.
  5. Sviluppo degli embrioni fino a 3 o 5 giorni. Coltivazione e controllo qualità degli embrioni fino a 3 giorni o allo stadio di blastocisti – 5 giorni.
  6. Preparazione del paziente per il trasferimento di embrioni.
  7. Trasferimento di embrioni il 3° o 5° giorno.
  8. Assistenza al paziente dopo il trasferimento.

Tassi di successo della fecondazione in vitro: dove cercare dati confermati?

La maggior parte dei paesi ha organizzazioni che monitorano le cliniche in termini di qualità e tasso di successo del trattamento di fecondazione in vitro. Di seguito troverai un elenco di organizzazioni raccomandate che pubblicano statistiche basate su un numero molto elevato di cicli di fecondazione in vitro condotti.

  • ESHRE (Società Europea di Riproduzione Umana ed Embriologia)
    L’organizzazione riunisce cliniche europee e conduce il monitoraggio dei tassi di successo della fecondazione in vitro
  • SART (Società per la tecnologia di riproduzione assistita)
    Un’organizzazione americana che fornisce statistiche sulla fecondazione in vitro molto accurate negli Stati Uniti. Oltre l’80% delle cliniche statunitensi riferisce a SART.
  • CDC (Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie)
    L’agenzia opera sotto il Ministero della Salute degli Stati Uniti. Pubblica statistiche basate sui dati SART e sui dati ottenuti direttamente dalle cliniche IVF negli Stati Uniti.
  • Calcolatori FIV – strumenti online che consentono di calcolare il tasso di successo della fecondazione in vitro tenendo conto della situazione medica individuale dei pazienti – controllare qui.

Fonti articolo:

Trova Cliniche per FIV e Donazione di Ovuli all'Estero
Cerchi la "migliore" clinica di FIV all'estero?

Analizziamo le vostre esigenze, il tipo di trattamento, le preferenze di destinazione e troviamo le migliori cliniche FIV per voi.